La cronaca, le foto e i video del mondiale di freestyle di Torino

Il freestyle motocross regala sempre grandi emozioni, e l’evento di Torino, perfettamente organizzato dalla Magic For Fun, ha ancora una volta confermato questa regola!

NOTJ - 06

Nella splendida struttura del Palaolimpico, gremita da più di 12.000 spettatori, la tappa italiana del circuito Night of the Jumps, valida come prima prova del mondiale IFMXF 2011, ha visto in azione alcuni tra i più grandi nomi dell’FMX mondiale, che hanno esibito un livello tecnico e scenografico veramente notevole. Solo per citarne alcuni: Remi Bizouard, Libor Podmol, Javier Villegàs, Jose Miralles, Romain Izzo (in sostituzione del fratello Brice, infortunatosi pochi giorni prima durante un allenamento in Florida).

La rappresentativa italiana era ben nutrita: capitanata da Max Bianconcini, ha visto esibirsi anche Vanni Oddera, l’esordiente Ivan Zucconi e il “mitico” Miki Monti, che alla verde età di 45 anni affronta ancora le rampe con grande stile e sicurezza!

Non poteva ovviamente mancare lo speaker Pastor, che, al fianco di Zoran è stato la voce narrante della serata. Va anche menzionata la presenza tra i giudici del nostro Alvaro Dal Farra, a dimostrare la consistenza e l’esperienza che il team Daboot è in grado di esprimere.

NOTJ - 05

I piloti “di casa” si sono distinti fin da subito… le loro moto erano già schierate davanti al palco e loro sono arrivati a piedi sul campo di gara, scendendo dalle gradinate illuminati dall’occhio di bue! Inutile dire che Vanni era accompagato dal suo fido Pedro!

Finita la presentazione di tutti i rider, c’è stato un momento particolarmente emozionante: tutto il palazzetto in piedi a cantare l’inno di Mameli…

e poi, via allo spettacolo, gasati dall’esibizione travolgente delle percussioni tribali dei Vulcanica.

Il compito di “aprire le danze” delle qualifiche è andato ad Ivan Zucconi. La formula prevede per ciascun rider 80″ o 7 salti per esibire il proprio repertorio, più il cosiddetto double-up: un salto finale che vale doppio!

Ivan ha esibito una buona run, con tanto di backflip nac-nac, dimostrando una costante progressione nel suo stile… e poi via con Miki Monti e Vanni Oddera, che al termine della sua esibizione è salito sul landing ed ha iniziato a lanciare in tribuna maglia, guanti, mascherina… rimanenedo a torso nudo e mandando in visibilio il pubblico. Il livello tecnico è stato in costante crescita ed il palazzetto è letteralmente esploso all’ingresso in arena di Max Bianconcini!

Al termine delle qualifiche, in attesa del verdetto dei giudici, si è svolto il contest race & style, nel quale i piloti si sfidano a due a due in un percorso di whoops e salti, dove contano sia la velocità che lo stile.

NOTJ - 28

Anche qui Bianco ha ricevuto le ovazioni del pubblico, ma ha dovuto inchinarsi a Jose Miralles, che si è aggiudicato il primo posto!

NOTJ - 31

A questo punto della serata, una piccola pausa era veramente necessaria, per fare prendere fiato ai piloti e prepararsi al gran finale, non prima dell’esibizione delle cheerleaders!

Ma ecco un altro appuntamento da brividi: il Maxxis highest air, la gara di slto in alto che ha visto sfidarsi Max Bianconcini, Miki Monti e Maikel Melero. Come si svolge questo contest? Beh, è semplice, i piloti, dopo una brevissima rincorsa (non più di 5 o 6 metri) affrontano il muro quasi verticale della parte posteriore del landing, che li spara in aria a tentare di superare la classica asticella. E l’altezza è davvero notevole, in pochi minuti si arriva a superare i 7 metri! Si capisce presto che si tratterà di una sfida a 2 tra Max e Maikel, e sarà proprio Melero ad aggiudicarsi la vittoria con la misura di 8.10!

NOTJ - 34

E infine, il momento clou della serata: le finali! I 6 piloti che hanno superato le qualifiche sono Melero, Rinaldo, Villegas, Bianconcini, Miralles e Bizouard, e scenderanno in pista proprio in quest’ordine, dal 6° al 1°, avendo a disposizione 100″ o 9 salti + double up per guadagnare più punti possibile. Al termine della prima heat il pilota andrà ad accomodarsi su una sorta di trono futuristico presente sul palco. Subito dopo l’esibizione dei piloti che lo seguiranno, in base al punteggio assegnato dalla giuria, si capirà se il vincitore pro-tempore potrà mantenere la corona o dovrà cedere il trono.

Maikel Melero parte gasatissimo ed esibisce una run tirata con trick da paura, come questo perfetto backflip seat grab!

NOTJ - 35

Ma durante il double-up di Maikel, la paura, quella vera, avvolge tutto il Palaolimpico , facendolo sprofondare per qualche secondo in un silenzio assordante. Maikel esibisce un backflip tsunami senza aver alzato le flip levers… una volta in posizione verticale si accorge di non poter più ritornare in sella alla sua moto, e la abbandona in volo, cadendo rovinosamente a terra ai piedi del landing…. Ma fortunatamente si rialza subito, fa cenno con le mani che va tutto bene, si toglie il casco e, sconsolato, guarda sul megaschermo il pauroso incidente del quale è appena stato vittima, uscendone perfettamente indenne (a parte un gomito sbucciato…).

Ecco il video dell’incidente, con il sospiro di sollievo di tutto il Palaolimpico, tranquillizzato dalle parole scandite del Pastor: TUTTO OK, TUTTO OOOOKKKK!

Maikel va a sedersi sul trono, ma il suo errore ha purtroppo condizionato una ottima prestazione, e quindi lo dovrà abbandonare poco dopo, salutato dalle ovazioni del pubblico. Pubblico che tirerà fuori tutta la sua energia per sostenere Max Bianconcini.

NOTJ - 41

Bianco, carichissimo, incorrerà purtroppo in qualche piccolo errore durante i suoi 100″, ma confermerà comunque un ottimo livello!

NOTJ - 42

E siamo veramente alla fine della serata: il francese Remi Bizouard, con una heat praticamente perfetta, si guadagna il gradino più alto del podio, seguito da Javier Villegas e Jose Miralles. Quarto posto finale per Massimo Bianconcini, un po’ dispiaciuto ma felice di aver dimostrato al suo pubblico di poter competere con i migliori!

NOTJ - 50

Che dire, la serata Night of the Jumps di Torino è stata magica! Un evento coinvolgente e spettacolare, le tribune gremite di famiglie con bambini e ragazzini increduli di fronte ad un simile spettacolo. Tutti a tifare per tutti, e a premiare con applausi ed ovazioni i migliori trick, di qualunque rider. Questo è il freestyle motocross, se non l’avete mai visto dal vivo non sapete quello che vi perdete!

Per finire, se volete rivivere in due minuti l’allestimento del Palaolimpico, lo show e le successive “pulizie”… godetevi questo spettacolare video time-lapse:

Ecco lo slideshow con tutte le mie foto della serata, visibili anche su Flickr:

 
 

Un trackback

Leave a reply