Il rischio non è un mestiere

Oggi, approfittando della pausa pranzo, ho visitato “Il rischio non è un mestiere“, una bella mostra fotografica allestita nel Sottoporticato di Palazzo Ducale a Genova.

Il rischio non è un mestiere 1 Il rischio non è un mestiere 2

Attraverso le fotografie delle collezioni Alinari si ripercorre, in quattro tappe principali, la storia del lavoro a partire da fine ottocento ai giorni nostri:

  • La prima industrializzazione: dall’unità all’inizio del XX secolo
  • La formazione di una base industriale
  • La “grande trasformazione” nel secondo dopoguerra
  • Ai nostri giorni: l’Italia in Europa

Le splendide foto rappresentano lavoratori intenti in attività lavorative pericolose, alienanti, fisicamente massacranti. Alcuni mestieri sono fortunatamente solo un ricordo del passato (almeno in Italia), mentre nuove professioni, in apparenza meno dure, sono ritratte con occhio critico verso la salute fisica (e mentale) dei lavoratori.

Il rischio non è un mestiere 3 Il rischio non è un mestiere 4 Il rischio non è un mestiere 5

Buona parte delle foto sono in bianco e nero, e trovo che ciò conferisca loro un potere evocativo straordinario.

Visitando la prima sala della mostra mi sono imbattuto in alcune didascalie che contenevano termini a me sconosciuti: li ho annotati e ne riporto di seguito la definizioni (tratte da www.garzantilinguistica.it), sperando che ti possano essere utili nel caso desiderassi visitare la mostra.

  • Falasco

    s. m. [pl. -schi] erba palustre con foglie lunghe e lineari, usata per impagliare fiaschi e sedie (fam. Ciperacee).

  • Anchilostoma

    s. m. [pl. -mi] verme nematode cilindrico con l’estremità cefalica appuntita e la bocca uncinata, parassita intestinale anche dell’uomo (ord. Stringiloidi).

  • Speratura

    s. f. lo sperare le uova mediante un apparecchio speciale che emette un fascio luminoso, per controllare se sono fresche o se sono fecondate.

  • Galvanostegia

    s. f. procedimento elettrochimico con il quale oggetti metallici (ma anche non metallici, purché resi conduttori mediante grafitaggio della superficie) vengono ricoperti a scopo di protezione o di ornamento da un sottile strato di un altro metallo depositato per via elettrolitica.

  • Lizzatura

    s. f. operazione di trasporto dei blocchi di marmo mediante la lizza. (s. f. sorta di slitta di legno su cui, nelle cave di pietra, si caricano i blocchi per farli scivolare a valle fino al luogo di caricamento.)

A proposito, per le visite occorre affrettarsi: domenica 9 marzo la mostra chiuderà i battenti.

Orario di apertura: 9.30/19:30. Ingresso libero

 
 

One reply


  1. se fossi stato il curatore della mostra qualche foto a colori ce l’avrei messa, quelle in B/N seppur più belle credo che facciano passare il concetto che i mestieri pericolosi siano solo un ricordo del passato e purtroppo così non è….

Leave a reply